C’eravamo tanto amati…ma ora vai al diavolo! 

Io Tizio, accolgo te, Caio come mio sposo.

Con la grazia di Cristo, prometto di esserti fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia e di amarti e onorarti tutti i giorni della mia vita.

Queste meravigliose parole, che farebbero commuovere anche il più cinico dei cinici, si ascoltano in tutti i matrimoni di rito cattolico.
La sottoscritta tutte le volte che le ascoltava, le ripeteva dentro di se con un sorriso stampato sulle labbra e una lacrima di felicità che dolcemente le accarezzava il viso.
Tutte le volte ricordavo il giorno del mio matrimonio, quando le ho pronunciate guardando negli occhi mio marito e non leggendole come fanno molti sposi. Io le avevo imparate a memoria per poterle dire come fossero parole mie. Come a voler eguagliare le promesse nuziali dei matrimoni protestanti americani.
E ora dove siamo finiti?! dopo 10 anni e 7 di fidanzamento mi trovo nella sala d’attesa del mio avvocato e aspetto di poter entrare e consegnargli la prima tranche di documenti, soldi e anche la mia voglia di andare più a un matrimonio.

Ebbene si, per il momento preferirei rimanere lontano dalle chiese, dai veli bianchi, dai bouquet e dal riso.

Preferirei non dover andare dagli sposi e dirgli le parole di Groucho Marx “il matrimonio è la causa principale del divorzio”.

Già che mi devo trattenere tutte le volte che passeggiando incontro un gruppo di donne che festeggia un addio al nubilato. 
Non perché non creda più nell’amore, questo assolutamente no, ma non credo più che il matrimonio sia la scelta più giusta.
Amarsi per sempre sembra un sogno impossibile: i rapporti si consumano in un baleno. 

Sembra quasi che quelle parole della promessa matrimoniale siano state sostituite o quanto meno interpretate con: ti amo, ti sposo, e sarai mio/mia ma la mia promessa vale solo fino a quando non ci sarà un’altra tentazione. 

Ma le motivazioni?! Calo della passione, incompatibilità di carattere (a me questa fa ridere e incazzare allo stesso tempo, perché dopo 10 anni il carattere lo avevi già capito dell’altra persona, vero?!) con l’arrivo dei figli non si riesce più a stare insieme come prima (ma va’!!) 

Insomma tante cretinate si dicono dopo, ma la mia domanda a questa punto e’: perché ci si sposa? La parola data ha ancora valore? Dove finisce quella felicita’, quella sicurezza e quella voglia di passare il resto della tua vita con l’altra persona? Ma la cosa che mi manda più in bestia e alla quale mi sa non troverò mai risposta è: dove sono finiti i sensi di colpa?

Dove e’ finito il “non ci dormo più di notte, non mangio più e sto male al pensiero di averti fatto questo o quello”?! 

E qui, lo so bene, cadrò nel banale: dove sono finiti i valori di una volta? 

Vi lascio con queste domande e spero che qualcuna di voi mi aiuti a trovare risposte. 

Annunci

3 pensieri su “C’eravamo tanto amati…ma ora vai al diavolo! 

  1. Mia cara, tu che sai a grandi linee la mia storia, certamente intuirai come la penso. Gli uomini ragionano con il membro, loro il cervello ce l’hanno lì. Non sono fatti per essere monogami, a dire la verità non sono fatti per tante cose.Sai quale sarebbe il rapporto ideale? Amiamoci tanto, io a casa mia e tu a casa tua. Cinica? Un po’ ma sicuramente realista. Passerà, questo te lo do per certo, non ne vale la pena, sei troppo avanti in confronto a lui.

    Piace a 1 persona

  2. Purtroppo cara Annarita le persone che hanno ancora dei valori solidi sono ben pochi. Sai ripensavo a quando raccontavi che il tuo ex marito canta nel coro della chiesa…dovrebbe quanto meno dimettersi e lo dico da cattolica praticante che si è sposata in chiesa. Con mio marito siamo coppia guida per i fidanzati della nostra parrocchia e ogni anno cerchiamo di spiegare a questi ragazzi il vero significato del gesto che stanno per compiere e tutto ciò che comporta per il futuro. Purtroppo le separazione già nei primi anni di matrimonio sono tantissime perchè manca la vocazione al matrimonio, si parlo proprio di vocazione come per i sacerdoti perchè il matrimonio è un voto che si fa di fronte a dio di consacrare la propria vita all’altro nel nome della fede. Un abbraccio con tutto il mio affeto

    Piace a 1 persona

  3. Cara Annarita,
    Ogni risposta alle tue domande che mi viene in mente non la scrivo perché mi accorgo quanto sia banale…già…l’unica cosa che ti dico è che da donna che non si è mai sposata, io penso che è solo la nostra società che impone un percorso che deve essere uguale per tutti:
    “Fidanzati, sposati, metti su famiglia, e vivi con lui/lei felice e contenta”. Ma dove sta scritto che debba essere così per tutti ? Che non si possa vivere scegliendo liberamente anche di vivere da soli o con qualcuno?. Siamo sicuramente condizionati da la società e poi ecco che forse la risposta a le tue domande è la più semplice di quel che si pensa: ci sono coppie che hanno passato tt la vita insieme ed è il risultato di mille cose messe insieme, non solo dell”amore ne dei principi morali, anche se queste Son componenti fondamentali: l’affetto profondo più che l’amore … poi c’è la scelta personale, che è quella che ci fa decidere di seguire un percorso e di essere forti di fronte alle mille difficoltà, la tenacia, la capacità di ascolto e di essere coerenti. Non ci sono uomini o donne impeccabili, ci sono unioni che funzionano grazie alla congruenza di mille fattori. Questo è il mio parere.
    Un abbraccio forte!!!
    Ila

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...